CONFRONTO PROFESSIONALE 02/2018

0
363

Cari Colleghi,
sta per concludersi il primo anno di attività del nuovo Consiglio amministrativo del nostro Ordine.
Fin dal momento dell’insediamento, abbiamo intrapreso politiche di valorizzazione della nostra figura nel tentativo di riportare con maggior vigore l’infermiere al centro delle dinamiche di trasformazione sociale.

È stato un periodo, questo, in cui abbiamo lavorato molto affinché gli infermieri iscritti potessero sentirsi degnamente rappresentati e rispettati, sia eticamente, sia professionalmente.
Numerose sono state le segnalazioni qui giunte dai nostri iscritti per demansionamento, provenienti sia dal pubblico
che dal privato. La presa di coscienza e l’attivazione sono assai importanti, giacché lo svolgimento di procedure non contemplate dal profilo infermieristico può determinare l’impoverimento della capacità professionale e creare ripercussioni negative sui futuri rapporti di lavoro con conseguente danno alla salute della persona, dei pazienti in particolare.

Abbiamo lottato inoltre per far sì che gli operatori tecnici e socio sanitari siano esclusi dal coordinamento e pianificazione dell’assistenza infermieristica (vedi interruzioni corsi RAA). L’unico professionista addetto a questo compito è il Coordinatore Infermieristico con un Master di I livello nel campo di che trattasi e l’Infermiere.

Sono stati effettuati interventi su segnalazione anche a farmacie della provincia di Ancona che svolgevano abusivamente elettrocardiogrammi valendosi di personale non sanitario. Anche qui, gli unici preposti all’effettuazione della prestazione sono il medico e l’infermiere. Si coglie l’occasione, a tal proposito, per invitare tutti
i colleghi a comunicare situazioni similari.

Ricordo ancora che, per obbligo di legge, a partire dal nuovo anno 2019, O.P.I. rivolgerà tutte le comunicazioni agli iscritti tramite PEC, invito pertanto chi ancora non abbia provveduto a crearne subito una, facendo presente che il nostro Ordine è a disposizione per la realizzazione di una PEC gratuita. Si invitano, invece, coloro che siano già
in possesso a comunicarne l’indirizzo. In questo numero, a parte, è contenuta approfondita spiegazione dell’importanza della PEC, con il preavviso di una lettera che arriverà a breve a chi non sia
ancora regolarizzato.

Infine, come avete potuto notare anche dalla copertina, l’Ordine, dopo aver indetto una riunione per raccogliere il consenso degli iscritti, ha acquistato un immobile, sempre nel medesimo stabile dell’attuale sede, ma con ingresso nel portone adiacente. L’acquisizione in proprietà dei nuovi locali dell’Ente è un obiettivo che ci eravamo prefissati all’inizio del nostro mandato, per tale ragione siamo orgogliosi del risultato raggiunto: un “regalo” di Natale arrivato al momento opportuno.

Insomma, come ben capite, è stato un anno colmo di impegni su tutti i fronti, e mi auspico che anche il successivo possa essere ricco di traguardi sempre più gratificanti e utili.

A questo punto non resta che augurarvi, a nome mio e del Consiglio intero un Buon Natale e un felice 2019 cospicuo di soddisfazioni e salute.

Il presidente O.P.I di Ancona

Dott. Giuseppino Conti

Per scaricare la rivista e gli articoli scientifici in versione integrale clicca nei link sottostanti:

CONFRONTO PROFESSIONALE 02/2018

  1.  L’INFERMIERE E IL PAZIENTE AFFETTO DA BULIMIA: REVISIONE DELLA LETTERATURA
  2. CHALLENGE TERAPEUTICO DI CALCINOSI IN CORSO DI SINDROME DI CREST: DESCRIZIONE DI UN    CASO CLINICO
  3. LE CADUTE IN OSPEDALE: ANALISI DEL FENOMENO LEGATO ALLA PERCEZIONE DEL PERSONALE  INFERMIERISTICO DELL’AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA “OSPEDALI RIUNTI DI  ANCONA”INFERMIERE E IL PAZIENTE AFFETTO DA BULIMIA: REVISIONE DELLA LETTERATURA
  4. L’INTERVENTO EDUCATIVO NELLA GESTIONE DELL’AUMENTO PONDERALE IN UN SETTING DI  SALUTE MENTALE: IL RUOLO DELL’INFERMIERE
Condividi