LA PEC: OBBLIGO PER IL PROFESSIONISTA

0
242

“La PEC o meglio conosciuta come posta elettronica
certificata è un tipo particolare di posta elettronica,
che permette di dare a un messaggio lo stesso valore
legale di una raccomandata con avviso di ricevimento
tradizionale garantendo così la prova dell’invio
e della consegna.
A scelta del mittente, il contenuto della PEC può
essere certificato e firmato elettronicamente oppure
criptato e garantendo quindi anche autenticazione,
integrità dei dati e confidenzialità.
Il collegio IPASVI di Ancona nel 2016 ha attualizzato
questo servizio gratuitamente a tutti gli iscritti che
hanno compilato un modulo presente sul sito e lo
hanno inviato assieme ad un documento d’identità
e codice fiscale alla mail del collegio.
Attualmente gli iscritti che non hanno attivato la procedura
o comunicato al collegio il proprio indirizzo
PEC, sono inadempienti agli obblighi di legge, sebbene
non siano previste sanzioni (Vedi prescrizione
normativa del D.L. 29/11/2008 n. 185, convertito
dalla L.28/01/20009 n.2. art. 16, comma 7. “i professionisti
iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge
dello stato, comunicano ai rispettivi ordini o collegi
il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o

analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma
6 entro un anno dalla data di entrata in vigore
del presente decreto”.
Il Collegio di Ancona, presumibilmente entro marzo
2018, per agevolare e regolarizzare la posizione
dei propri iscritti, che ancora non hanno provveduto
a regolarizzare tale procedura, attiverà a quest’ultimi
un indirizzo PEC, sempre a titolo gratuito, anche
senza effettuare l’iter citato prima.
Chiaramente ai non adempienti prima verrà inviata
una missiva personale riservata e nel caso in cui non
vengano presentate osservazioni entro il termine di
15 giorni si avvierà la creazione della posta elettronica
certificata.
Tutto questo allo scopo di utilizzare il canale PEC
per tutte le comunicazioni ufficiali con valore legale
tra il Collegio e l’Iscritto e quindi un risparmio economico
e cartaceo.
Si informa infine che, grazie a questo servizio, ogni
iscritto potrà avvalersi della PEC anche per le proprie
comunicazioni personali verso le Pubbliche Amministrazioni,
persone giuridiche e fisiche, azzerando
totalmente il costo a suo carico, poiché non esisteranno
costi di spedizione.”

Fonte: Confronto Professionale 2/2017

IMPORTANTE

SI INVITANO TUTTI I COLLEGHI IN POSSESSO DI UNA CASELLA DI POSTA CERTIFICATA PERSONALE (P.E.C.) NON FORNITA DALL’O.P.I. DI ANCONA, DI COMUNICARLO ENTRO BREVE TEMPO ALL’INDIRIZZO MAIL:

INFO@IPASVIANCONA.IT

INDICANDO:

  • COGNOME
  • NOME
  • CODICE FISCALE
  • INDIRIZZO PEC valido
  • INDIRIZZO MAIL valido
  • EVENTUALE CAMBIO DI RESIDENZA

CHI, INVECE, NON FOSSE IN POSSESSO DELLA PEC, SI INVITA A SCARICARE LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA CLICCANDO AL SEGUENTE LINK: RICHIESTA PEC

UNA VOLTA COMPILATA TUTTA LA DOCUMENTAZIONE, INVIARLA A:

INFO@IPASVIANCONA.IT

 

 

IL GRUPPO WEB/SOCIAL